mercoledì 25 aprile 2018

Le donne guerriere

da wikipedia:

Quello della giovane donna guerriera è un'immagine archetipica raffigurante un personaggio femminile, spesso di sangue reale, con un carattere forte e coraggioso; qualità che, secondo la concezione comune, appartengono tipicamente al genere maschile, il che mette la donna guerriera allo stesso livello degli uomini più valorosi. È la rappresentazione antitetica della damigella in pericolo.
Secondo la tradizione letteraria medioevale della fanciulla o "vergine guerriera" questa appartiene ad una famiglia reale, o quantomeno dell'alta nobiltà, la quale assume provvisoriamente una funzione maschile di comando; requisito indispensabile perché possa essere accettata in questo ruolo è il rispetto della sua condizione di verginità: perdendo l'innocenza sessuale verrebbe privata del carisma necessario al comando diventando di colpo una donna come tutte le altre.....




Vi sono varie ipotesi a riguardo della formazione e sviluppo d'una tale figura, con diverse teorie circa la sua origine e l'importanza che questo concetto poteva avere. Si avanza l'idea che la società arcaica, dominata ancora dai culti rituali inneggianti alla Natura erano ancora essenzialmente matriarcali, potevano quindi creare modelli costituiti da personaggi femminili forti; la magia naturale e il paganesimo delle origini si sarebbe ad esempio riflettuto nelle immagini mitologiche delle Valchirie, le nove donne guerriere della mitologia norrena.




Un'indagine comparata sui miti arcaici d'Oriente ed Occidente divide i personaggi mitologici femminili in due categorie, da una parte la vergine guerriera e dall'altra la fanciulla destinata a diventare una brava moglie e madre; la prima categoria è costituita dalle ragazze che si trovano in una fascia d'età per lo più adolescenziale e che pertanto possono essere ancora per un tempo limitato assimilate al mondo e alla realtà dei giovani maschi, godendo di una relativa libertà sessuale associata al combattimento e all'esercizio nelle arti marziali o in alternativa in quelle intellettuali (Ganika nel mondo indo-ariano e la figura dell'Etera in quello greco).





L'incarnazione mitologica di tali gruppi sociali è rivelata anche dalle Apsaras induiste, dalle sorelle irlandesi Morrigan e così via.
In certi casi possono giungere fino al punto di morire sul campo di battaglia; secondo questa versione l'immagine della fanciulla guerriera si trasforma nel ricordo in esempio che accompagna i soldati in guerra. Nella letteratura mondiale, ma soprattutto europea, vi è una chiara linea di successione tra le donne guerriere: gli antichi miti greci riguardanti le Amazzoni penetrano nel mondo medioevale per giungere fino al romanticismo e risorgere in nuove forme più moderne nel XX secolo... 




Vi è un ramo separato del mito, ma degno di nota in quanto costituito da una certa originalità: le saghe riguardanti fanciulle guerriere sono una caratteristica distintiva della letteratura islandese: se in altre tradizioni letterarie si verifica sporadicamente l'apparizione di immagini femminili dominanti, nell'antica letteraria d'Islanda vi è un particolare tipo di genere di saghe cavalleresche. Storie basate su sovrane autocratiche che rifiutano in toto l'idea del matrimonio e quindi della sottomissione ad un uomo in quanto ciò minaccerebbe la solidità del regno, indebolirebbe il loro potere provocando una perdita di status sociale.
Nelle saghe cavalleresche per le eroine di queste storie vi è una designazione speciale, esse vengono difatti chiamate "meykongr" ovvero grande signore/sovrano ed esse stesse si definiscono sempre re-kongr e mai regine-drottning. 

L'elenco di esempi sia storici, che mitologici è vastissimo. Io riporto da:https://www.focus.it/cultura/storia/le-donne-guerriere-piu-famose-della-storia l'articolo che segue e che sta a dimostrare che il "sesso debole", poi così debole non è e non è mai stato.



Le donne guerriere più famose della Storia

I reparti regolari femminili al fronte apparvero solo nel ‘900. Ma nei secoli precedenti non sono mancati esempi di guerriere e condottiere molto valorose.  Ecco le più famose.


battaglioni-della-morte



I primi reparti militari formati da sole donne, in Europa, sono nati nel Novecento. Uno dei primi fu istituito in Russia durante la prima guerra mondiale (1917): erano i battaglioni femminili della morte - nella foto - ed erano composti da donne che si offrivano volontarie per combattere in prima linea. Però nei secoli precedenti non sono mancati casi di condottiere scese sui campi di battaglia per difendere il loro popolo. E se quello delle donne amazzoni è un mito, alimentato probabilmente da alcune guerriere scite che combattevano a cavallo, sono tutt’altro che leggendarie le storie di donne e regine che hanno davvero impugnato le armi in nome di un’ideale o per difendere i confini del proprio territorio. Ecco alcune delle guerriere più famose della Storia.






L’amica dei Persiani. Artemisia (VI-V secolo a.C.) fu sovrana di Alicarnasso, un piccolo centro in Asia Minore. Durante la seconda guerra persiana si schierò contro i Greci al fianco dell'Impero persiano. Secondo Erodoto (484-430 a.C.), anche lui di Alicarnasso, la regina partecipò alla battaglia di Salamina (480 a.C.) e, quando la situazione volse a sfavore dei Persiani, capendo che non c’era più margine di vittoria, si mise in salvo grazie a un originale stratagemma: ordinò ai marinai di sostituire le insegne con altri contrassegni che riproducevano i colori e i simboli della flotta greca. A battaglia conclusa, continuò a interessarsi alle sorti della guerra. Il re dei re Serse la consultò più volte e la ricompensò anche con una armatura greca.

tomiride


La vendicatrice. Tomiri (VI secolo a.C.), regina dei Massageti, è diventata famosa per aver sconfitto e ucciso l'imperatore persiano Ciro il Grande (530 a.C.) quando questi invase il suo paese per conquistarlo. Il suo spirito truce è diventato leggendario: per vendicare la morte del figlio ucciso da Ciro in un combattimento, prima assassinò l’imperatore persiano, poi gli immerse la testa in un otre di sangue. Infine lo decapitò e lo oltraggiò. Secondo alcuni resoconti tenne la testa del sovrano con sé tutta la vita, usandola come coppa per bere il vino.

boudicca



La più feroce anti romana. Budicca (33-60 ca.d.C.) era la regina della tribù degli Iceni (Inghilterra orientale). Negli anni in cui i Romani erano impegnati nella conquista della Britannia (43-84 d.C.) guidò la più grande rivolta delle tribù dell'isola contro di loro. Dione Cassio (II secolo) la descrive come una donna con “gli occhi feroci e la voce aspra”. In realtà sembra fosse molto alta e molto bella. Di origine nobile, a 7 anni andò a vivere in un’altra famiglia dove apprese le tradizioni celtiche, sposando poi il re della potente tribù degli Iceni. Alla morte del marito, i Romani occuparono il loro regno, umiliandola pubblicamente. Nel 60 d.C. guidò una rivolta antiromana che culminò nella battaglia di Watling Street. Costretta ad arrendersi si tolse la vita.


zenobia-palmira



La regina di Palmira. Zenobia (III secolo d.C.) regina del regno di Palmira (sì, roprio la città distrutta dall'ISIS) fu una sovrana fieramente anti romana. Il suo regno al momento della massima espansione andava dalla Siria ai confini dell’Egitto. La regina puntava però ad espandersi in tutta l’Asia minore. Nel 270 cercò un accordo con l'imperatore romano Aureliano per consolidare i confini dei suoi territori. Ma di tutta risposta lui fece una controffensiva sconfiggendola a Emesa (272). Dopo l’assedio di Palmira, mentre cercava di fuggire in Persia, fu arrestata, ma Aureliano le salvò la vita: fu condotta a Roma e fatta sfilare in città. Passò gli ultimi anni a Tivoli.
( vedi anche qui:http://ilclandimariapia.blogspot.it/2015/09/zenobia-di-palmira.html )









La Pulzella d’Orléans. Giovanna d’Arco (1412-31) visse durante la guerra dei Cent’anni (1337-1453) quando a confrontarsi erano due nazioni nascenti, Francia e Inghilterra. Di umile origine, a 17 anni si convinse di essere stata scelta da Dio per salvare la Francia, così percorse oltre 2000 km e raggiunse la corte di Carlo VII per chiedere di poter cavalcare - senza nessun comando - alla testa dell'esercito che andava a soccorrere Orléans, assediata dall'esercito di Enrico VI. Avuto il consenso, la Pulzella e il suo esercito riuscirono a liberare Orléans. Ma la sua carriera si interruppe in fretta: catturata l’anno successivo in un'imboscata fu consegnata a Giovanni di Lussemburgo, che la diede come bottino di guerra agli Inglesi. Nel 1431, a soli 19 anni, fu accusata di eresia e bruciata viva. Oggi è santa e patrona di Francia.




800px-caterina_sforza



La regina di Forlì. Caterina Sforza (1463-1509), figlia di Galeazzo Maria Sforza e madre di Giovanni dalle Bande Nere, governò su Imola e Forlì. Soprannominata tygre per il suo coraggio e la sua determinazione, si occupò personalmente della difesa dei suoi Stati: pianificò le manovre militari, si curò dell'approvvigionamento dei soldati, delle armi e dei cavalli e anche dell’addestramento delle milizie. Tanto zelo non bastò però a difendere il suoi territori dalle conquiste del famigerato Cesare Borgia, detto il Valentino. Imprigionata a Roma, dopo aver riacquistato la libertà, visse i suoi ultimi anni a Firenze.


nakanotakeko


Donna samurai. Nakano Takeko (1847-68) fu un'onna-bugeisha, ovvero una donna guerriera appartenente alla nobiltà giapponese. Queste donne potevano partecipare alle battaglie, insieme ai samurai ed erano addestrate all'uso delle armi per proteggere la loro casa, la famiglia e l'onore in tempo di guerra. Nakano Takeko si mise a capo di un corpo speciale di donne guerriere, una sorta di esercito femminile e combatté servendosi del naginata (una spada giapponese con una lunga lama ricurva). Morì sul campo durante la battaglia di Aizu (1868) nel pieno della guerra civile giapponese.


nadezdaandreevnadurova


Guerriera e scrittrice. Nadežda Andreevna Durova (1783-1866), figlia di un comandante Ussaro, crebbe tra i cavalieri. Forse anche per questo pensò che la sua strada non potesse essere la vita domestica, ma la carriera militare. Così si fece arruolare con un nome maschile nel corpo degli Ulani, soldati a cavallo armati di lancia, e durante le guerre napoleoniche vinse molte medaglie tanto da essere promossa addirittura ufficiale. Appassionata anche di letteratura pubblicò poi le sue memorie nella rivista Sovremennik (1836) con una presentazione del poeta russo Puškin.



cr7eomrvyaae5ge


Guerriera e scrittrice. Chiudiamo questa gallery con una "guerriera" dei giorni nostri: Asia Ramazan (1996-2014), una combattente curda che ha cercato di fermare l’avanzata dell’Isis nei territori del Kurdistan siriano. Nel 2014, a 18 anni, era entrata come volontaria nelle fila dell’Ypj la milizia femminile curda interna alla milizia del Kurdistan siriano. Diventata famosa sui media occidentali come simbolo di eroina resistente, è morta nel 2016, pare, a Minbic, nella Siria del Nord, durante una battaglia contro le forze siriane e uomini dell’opposizione armata.

lunedì 23 aprile 2018

La stagione del glicine

Gabriella, la mia amica di Bassano, non è soltanto una ricamatrice sopraffina e un'organizzatrice di mostre eccezionali, è anche una brava fotografa. Appassionata di Venezia, ogni tanto ci regala su facebook una serie di fotografie degli angoli più interessanti della città. Questa volta si è soffermata sulla fioritura del glicine che, in questi giorni, esplode un po' dappertutto rallegrando la vista dei passanti.
Ecco le sue fotografie:




















Se volete vedere qualcosa delle mostre di ricami che lei ha allestito, andate qui:


e se volete vedere altreimmagini del glicine, andate qui:


http://ilclandimariapia.blogspot.it/2016/04/tempo-di-glicine.html

sabato 21 aprile 2018

Piccoli tesori nascosti:la chiesetta di san Bernardino da Siena.

 
 

 
 
 
Lallio è per estensione tra i cento comuni più piccoli d'Italia, il dodicesimo più piccolo della provincia di Bergamo, il trentottesimo comune meno esteso della Lombardia, eppure custodisce un  tesoro artistico di bellezza incredibile, la piccola chiesa di S. Bernardino da Siena.
Abito da una vita a un paio di chilometri da questa chiesetta, ma   fino a ieri ne ignoravo l'esistenza...
 
Ci lamentiamo ogni giorno, e a ragione, delle tante magagne che affliggono il nostro paese, ma in quanto a bellezza....nessuno ci può superare. L'Italia è fatta così : non solo la natura ci regala panorami irripetibili e le città ci offrono  grandi opere d'arte, ma in ogni angolo, da nord a sud, si nascondono piccoli tesori anche per chi non può o non ama viaggiare.





La chiesa di S.Bernardino di questa piccola comunità è la più antica costruita in onore del grande Santo senese. Fu eretta nel 1450 per volontà di Eustacchio Licini detto Cacciaguerra, frate non professo del convento delle Grazie, fondato da S.Bernardino durante la sua permanenza a Bergamo.





Vista dall'esterno può passare inosservata, anche perché la cinta muraria che la racchiude non appare in buone condizioni, ma appena varcata la porta d'ingresso, si resta con il fiato sospeso.






I 99 dipinti di cui è adornato l'interno sono opera di Gerolamo Colleoni (1500-1570), Cristoforo Baschenis, il Vecchio (1520-1613) e di un autore ignoto, che si firma T.L. del 1600.



































 
 
 
 













Divenuta monumento nazionale nel 1912 per la sua importanza storica ed artistica, questa chiesa è considerata un pregevole documento del manierismo lombardo ed una delle rarissime nella regione con l'interno completamente affrescato a rappresentare episodi della vita di Maria e dei Santi e la passione, la morte e la resurrezione di Cristo.

I recenti restauri, ultimati nel 1997, hanno consolidato la struttura muraria e riportato all'originaria bellezza gli affreschi e le decorazioni.

Voglio aggiungere che, come spesso accade, la conservazione del patrimonio storico artistico delle piccole comunità è dovuto anche all'attività di cittadini comuni che , unendosi volontariamente e senza fini di lucro in piccole associazioni, dedicano tempo ed energie per proteggere ciò che di bello appartiene all'intera comunità. Nel caso specifico l'associazione Amici di S.Bernardino si occupa tra l'altro dell'apertura della chiesetta, organizza visite guidate ed eventi musicali e culturali, e si adopera per proteggere e far conoscere le bellezze racchiuse tra queste mura quattrocentesche.

Chi fosse interessato a saperne di più può chiamare i numeri 035/200822 o 035/690830.